GASTRONOMIA

 

La cucina ostunese, è basata sui prodotti tipici dell'agricoltura locale: olio di oliva extra vergine, verdure, formaggi prevalentemente tratti dal latte di pecora, e pesce. Questa cucina semplice e povera, anche se ricca di odori, colori e soprattutto sapori, è espressione della semplicità della gente del posto che ha saputo valorizzare i sapori tradizionali, facendone motivo di vanto.  I farinacei occupano un posto di rilievo sulla tavola degli ostunesi, cominciando dal pane ancora oggi cotto a legna, le "frise", "la puccia", "i tarallini", senza dimenticare le paste come "li stacciodde" (orecchiette), "li strascenate", "li lajanedde", tutte impastate con farina di semola di grano duro, che vengono condite o con pomodoro fresco e "caserecotta" (cacioricotta), talvolta mescolati col sapore della "recotta ascanta" (ricotta forte). I secondi piatti a base di carne, sono quasi sempre cotti alla brace, come ad esempio il capretto, l'agnello, le salsiccie locali od anche gli "gnemmariedde", gustosi involtini di interiora di capretto allo spiedo. Gli amanti del pesce, qui potranno saziarsi con le innumerevoli ricette che hanno come denominatore comune la freschezza dell'ingrediente principale. Ciò consente di assaporare succulenti antipasti a base di frutti di mare, saraghi, pagelli, dentici, cernie, aragoste, che nutrendosi nel particolarissimo sottocosta hanno un sapore unico. Il polpo poi la fa quasi da padrone in questo tripudio di sapori, condito in particolar modo, con l'aceto, "pulpe all'acite" e con pomodori freschi e cipolla.

Fanno parte di questa cucina, piatti tipici come "li fave e fogghie o ncrapiata", purè di fave e verdura selvatica, "l'acqua sala" fatta con pane duro o frise in acqua condita con olio, cipolla, origano e pomodori e "li turde allu sunze", tordi conditi con aceto e alloro.

In questo rapido sguardo verso i sapori ostunesi, non poteva mancare un accenno ai dolci tipici delle feste: "li pettulu" (pettole), pasta lievitata e fritta, "li carteddate" (cartellate) condite con miele o vino cotto, "li percedduzze", "la palomma", ciambella di pasta e uovo sodo, "la cupeta", mandorle tritate ed impastate con zucchero caramellato e miele e "li frisedde" taralli coperti di glassa di zucchero (gileppe). Questi vengono accompagnati da liquori come il limoncello, il nocino ed il rosolio.

Tra i vini locali, due sono a denominazione di origine controllata (D.O.C.): il "Biancostuni" prodotto con uve "Impigno", "Francavidda", "Verdeca" e "Pagadebito" e "l'Ottavianello" da uve "Ottavianello". Interessante è anche la tradizione de "lu pete" vino tratto dall'ultima spremitura con aggiunta di acqua, "lu moneche" ottenuto dalla colatura della feccia, ed il "vino con camedrio", vino cotto con aggiunta di infuso di erbe amarognole e stimolanti.  

Prodotti tipici:

Prodotti caseari: Mozzarelle, caciocavallo, burrata, stracciatella, giuncata: caseificio Masi e Caseificio Copertino

 Prodotti da forno: Tarallini, Friselle, Focacce, dolci di pasta di mandorle: Panificio con forno a Legna “Porta Nova”, Panificio Farina (entrambi nel centro storico).

 

 

HOME